19/20 marzo 2021 – ESPERTO IN CRITERI AMBIENTALI MINIMI – CAM

9 Marzo 2021

L’Ordine degli Architetti P.P.C della Provincia di Messina in collaborazione con l’istituto Nazionale di Bioarchitettura ripropone il Corso Esperto in Criteri Ambientali Minimi – CAM.

L’Istituto Nazionale di Bioarchitettura con il percorso formativo ESPERTO IN CRITERI AMBIENTALI MINIMI – CAM: Applicazione del D.M 11/10/2017, da settembre 2020 ha dato accesso alle procedure per il riconoscimento per la certificazione tramite INBAR “La certificazione di Esperto in CAM Edilizia che sarà rilasciata da CEPAS (società del Gruppo Bureau Veritas), in conformità alla Norma internazionale ISO/IEC 17024, a cui potranno accedere tutti i professionisti iscritti ai vari Ordini e Collegi nelle diverse competenze di settore nei vari livelli di specializzazione.

L’Istituto Nazionale di Bioarchitettura quale ORGANISMO DI VALUTAZIONE vede alla guida di tale progetto il Coordinatore Scientifico Arch. Anna Carulli, Presidente Nazionale e del Responsabile della didattica Arch. PhD. Nunzia Coppola, Presidente della Commissione CAM dell’INBAR, impegnati da due anni all’attivazione di corsi di divulgazione di 4 ore ai corsi specialistici di 12 e 16 ore sul territorio nazionale.

L’INBAR negli ultimi anni in linea con le tematiche di sostenibilità ambientale introdotte per la prima volta nella legislazione nazionale attraverso i CAM, che richiedono conoscenze e competenze specifiche ai diversi attori che operano nel settore: professionisti, imprese, produttori, stazioni appaltanti; ha attivato un corso che offre una panoramica di un rinnovato quadro globale legislativo e tecnico, finalizzato a rafforzare il percorso, spesso frammentato, dello sviluppo sostenibile a livello mondiale; un primo passo per declinare a livello nazionale i principi e gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, adottata nel 2015 dalle Nazioni Unite a livello di Capi di Stato e di Governo. Il percorso formativo si fonda sulla condivisione della sostenibilità come modello di sviluppo e sul coinvolgimento dei soggetti che sono parte attiva nello sviluppo sostenibile. Questi principi hanno preso concretamente forma nell’articolazione della STRATEGIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE presentata al Consiglio dei Ministri il 2 ottobre 2017 e approvata dal CIPE il 22 dicembre 2017.

Il corso INBAR, quale percorso formativo accreditato, affronta i temi derivanti dall’obbligo di inserimento dei CAM nelle specifiche tecniche, nei documenti e negli elaborati di gara nell’ambito più ampio del quadro normativo europeo e nazionale, analizzando ed illustrando le esperienze più significative in Italia. Si definiranno i riferimenti normativi contenuti nelle nuove disposizioni ambientali, nel Codice degli appalti e le modifiche intervenute con le disposizioni contenute nelle linee guida emanate. All’interno del percorso formativo si analizzeranno sia dal punto di vista temporale che delle figure professionali coinvolte, le implicazioni richieste dai CAM, la loro applicazione e rendicontazione. Il corso affronta prima i CAM come riportato nella struttura della norma in ordine sequenziale per poi filtrare ed elaborare i requisiti richiesti per ambiti professionali e per fasi di realizzazione. A conclusione del percorso formativo od accreditamento al secondo livello potranno certificarsi tutti quei professionisti che avranno superato gli esami di accesso alla certificazione finale in conformità alla Norma internazionale ISO/IEC 17024 riferito alla figura dell’Esperto in CAM Edilizia.

Il percorso formativo per professionisti esterni ed interni alla PA (16 ore) darà accesso al riconoscimento per la certificazione tramite INBAR, per la procedura con esami per l’ottenimento della Certificazione ad “Esperto CAM in Edilizia” che sarà rilasciata da CEPAS (società del Gruppo Bureau Veritas), in conformità alla Norma internazionale ISO/IEC 17024.

FINALITA’:

Le tematiche di sostenibilità ambientale introdotte per la prima volta nella legislazione nazionale attraverso i CAM, richiedono conoscenze e competenze specifiche ai diversi attori che operano nel settore: professionisti, imprese, produttori, stazioni appaltanti. Il corso offre una panoramica di un rinnovato quadro globale legislativo e tecnico, finalizzato a rafforzare il percorso, spesso frammentato, dello sviluppo sostenibile a livello mondiale; un primo passo per declinare a livello nazionale i principi e gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, adottata nel 2015 dalle Nazioni Unite a livello di Capi di Stato e di Governo. Il percorso formativo si fonda sulla condivisione della sostenibilità come modello di sviluppo e sul coinvolgimento dei soggetti che sono parte attiva nello sviluppo sostenibile. Questi principi hanno preso concretamente forma nell’articolazione della STRATEGIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE presentata al Consiglio dei Ministri il 2 ottobre 2017 e approvata dal CIPE il 22 dicembre 2017.

Presentazione

La progettazione e costruzione di interventi sostenibili è tema centrale nell’ottica della sostenibilità ed in applicazione degli obbiettivi di AGENDA 2030 ed è entrato progressivamente nella pratica comune e nella legislazione nazionale. Seguendo le indicazioni contenute in varie Comunicazioni della Commissione europea tra cui “Politica integrata dei prodotti, sviluppare il concetto di ciclo di vita ambientale” (COM(2003) 302), ed in ottemperanza del comma 1126, articolo 1, della legge 296/2006 (legge finanziaria 2007), il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha elaborato nel 2007 il “Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione”. Il Piano, avente l’obiettivo di massimizzare la diffusione del GPP (Green Public Procurement o acquisti verdi) presso gli enti pubblici, definisce gli obiettivi nazionali e identifica le categorie di beni, servizi e lavori per i quali identificare i ‘Criteri Ambientali Minimi’ (CAM). Gli acquisti verdi della Pubblica Amministrazione (GPP) sono obbligatori in base all’art. 34 del Dlgs 50/2016 “Codice degli appalti”. I criteri definiti interessano requisiti del progetto, dei materiali, della gestione del cantiere e dei soggetti stessi che partecipano al progetto e alla costruzione di edifici.

Obiettivi formativi

Il corso fornisce una conoscenza di base sui temi della Sostenibilità Ambientale e sull’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi, offrendone una visione d’insieme e, attraverso l’illustrazione di esempi pratici, evidenzia e definisce strategie utili per la formulazione di offerte “ineccepibili e vincenti”.

Il percorso formativo INBAR che vede l’Istituto Nazionale di Bioarchitettura quale ORGANISMO DI VALUTAZIONE, da accesso alla certificazione delle competenze dell’Esperto CAM in Edilizia che sarà rilasciata da un Organismo di certificazione operante in conformità alla Norma internazionale ISO/IEC 17024 riferito alla figura dell’Esperto CAM in Edilizia per il professionista, quale “Requisiti generali per Organismi che operano nella certificazione delle persone”.

Il corso propone i seguenti obiettivi:

  1. APPROFONDIRE LE POLITICHE INTERNAZIONALI, NAZIONALI E REGIONALI PER L’ ECONOMIA CIRCOLARE E LA GREEN ECONOMY
  2. APPROFONDIRE IL GREEN PUBLIC PROCUREMENT ED IL CODICE APPALTI
  3. APPRONDIRE LA STRUTTURA DEI CAM E DEL DM 11/10/2017
  4. FORMARE FIGURE PROFESSIONALI SPECIALIZZATE NELL’ELABORAZIONE DI PROGETTI E CONDUZIONE DI CANTIERI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE.

Condividi su: