Fondazione Architetti nel Mediterraneo: eletto il nuovo consiglio

3 Maggio 2021

Il Consiglio dell’Ordine degli Architetti PPC di Messina, dopo una lunga fase di prorogatio durante la quale la Fondazione Architetti nel Mediterraneo è stata retta dal Vice Presidente arch. Sergio La Spina, nella seduta del 21 aprile 2021 ha deliberato la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione. La Spina, al quale è andato il ringraziamento per il lavoro svolto, aveva preso le redini a seguito della scomparsa dell’arch. Umberto Giorgio, figura indimenticabile nel panorama dell’architettura messinese.
Non è stato difficile per il Consiglio dell’Ordine delineare la “nuova Fondazione”, ed alla presidenza è stata eletta una indiscussa protagonista degli eventi formativi e culturali inerenti l’architettura in Italia negli ultimi anni: l’arch. Anna Carulli, Presidente Nazionale dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura che ha accompagnato i professionisti del settore delle costruzioni nei processi afferenti all’ecologia nel progetto, promuovendo l’architettura del recupero e del ripristino su tutto il territorio nazionale.
Con grande soddisfazione del Presidente dell’Ordine arch. Pino Falzea, ne è venuta fuori una struttura targata al femminile, con ben 12 donne chiamate a comporre il Consiglio di Amministrazione.
“Sono molto soddisfatto – ha dichiarato il presidente dell’ordine Falzea – perché la nuova ‘squadra’ guidata da Anna Carulli, che già dalle prime riunioni ha saputo infondere entusiasmo a tutti i componenti designati, con l’aiuto del Vice Presidente Vicario Valentina Marchetta e Nuccia Calanni Macchio con delega agli Affari Istituzionali, del segretario Clelia Testa Camillo e del tesoriere Graziella Anastasi, saprà fornire un importante contributo al lavoro degli architetti messinesi, impegnati da qualche anno a riportare nei nostri territori lavoro, bellezza e qualità dell’abitare”.
L’arch. Anna Carulli, impegnata da 20 anni a livello nazionale, nell’ultima iniziativa è stata alla guida nell’erogazione della certificazione e del percorso formativo Esperto in Criteri Ambientali Minimi (Cam), in applicazione del decreto del 11/10/2017 fondato sulla condivisione della sostenibilità come modello di sviluppo, attraverso il quale è possibile accedere alle procedure per la certificazione di Esperto in Cam Edilizia, che sarà rilasciata da Cepas, in conformità alla Norma internazionale Iso/Iec. 17024.
Lusingata e commossa per tale scelta, nel ricordare la figura dell’arch. Umberto Giorgio, sottolinea: “Sono fiera di essere alla guida di una fondazione in cui l’energia femminile porterà sicuramente un grande rinnovamento e il perseguimento di obiettivi in una visione di città più vivibile per l’uomo. Continuerò nel mio impegno sulla filosofia del benessere abitativo, della tutela e valorizzazione dell’ambiente che mi ha coinvolto nei percorsi specifici del vivere sostenibile da sempre”.

Condividi su: